Italia

Perché l’Onu non funziona

|
FacebookTwitterPrintFriendlyEmailCondividi
di Rodolfo Bastianelli

Si è molto discusso in questi ultimi anni di come riformare le Nazioni Unite per ridare all’organizzazione nuovo slancio ed efficienza. Difatti, l’ONU attualmente non sembra in grado di poter assolvere i suoi compiti e la sua stessa immagine appare seriamente compromessa.  Eppure, nonostante i deludenti risultati dimostrati nella gestione delle crisi internazionali, questa istituzione in Italia continua da molti ad essere considerata come la sola in grado di assicurare la sicurezza internazionale ed a cui demandare ogni decisione in merito agli interventi militari. In realtà invece il ruolo dell’ONU è oggi fortemente indebolito e questo non solo per la presenza al suo interno di un gran numero di Paesi che non si possono definire democratici ma soprattutto per l’assenza di una forza militare di deterrenza e la lentezza dei suoi processi decisionali.

Il deficit democratico dell’Organizzazione

Se osserviamo i 192 Stati che compongono le Nazioni Unite, una parte significativa di questi manca del tutto od in parte dei requisiti per poter essere definiti una democrazia ed uno Stato di diritto. Leggendo il rapporto di “Freedom House”, un’organizzazione americana indipendente incaricata di monitorare il grado di libertà esistente nei vari Paesi, emerge come un terzo dei suoi membri siano delle autentiche dittature e per questo classificati come “non liberi” e privi quindi di qualunque standard democratico, ed un altro terzo venga definito come “parzialmente libero”, ovvero con istituzioni statali che garantiscono solo in parte i diritti politici e le libertà fondamentali ai propri cittadini. Ed è questo il punto che forse indebolisce in maniera determinante la pretesa dell’ONU di assumere la funzione di garante della pace e della stabilità nel pianeta. Perché il maggior paradosso delle Nazioni Unite sta proprio nel fatto che Stati autoritari assai poco rispettosi della democrazia entro i loro confini, all’interno dell’Organizzazione si trasformano in severi censori delle azioni altrui, soprattutto se vi sono coinvolti gli Stati Uniti od i loro alleati. In proposito va ricordato quanto accaduto con Israele negli anni Settanta e Ottanta, quando l’Assemblea Generale non solo votò una serie di mozioni in cui si condannava il comportamento del governo di Gerusalemme per il mancato rispetto delle risoluzioni ONU senza che però fosse mai pronunciata una parola contro il terrorismo palestinese per i suoi attacchi compiuti contro cittadini israeliani, ma arrivò ad approvare una risoluzione, definita dall’allora Ambasciatore degli Stati Uniti Moynihan come “qualcosa di osceno”, che equiparava il sionismo al razzismo. La poca democraticità di molti membri delle Nazioni Unite dovrebbe quindi far riflettere chi ritiene l’ONU l’unica istituzione dotata di autorità per decidere gli interventi militari. Ma aldilà del fatto che far dipendere una decisione dal voto di dittature o regimi autoritari non è certo giustificabile da un punto di visto etico, in un quadro simile affidare alle Nazioni Unite la gestione della sicurezza internazionale pone anche delle implicazioni politiche e giuridiche quanto mai rilevanti. Gli esempi seguenti, uno concreto e l’altro teorico, illustrano bene questa eventualità. Durante la crisi del Kosovo del 1999, il Consiglio di Sicurezza non riuscì a prendere nessuna decisione nei confronti della Jugoslavia, che stava portando avanti nella regione un’operazione di “pulizia etnica” contro gli albanesi, per la contrarietà della Russia ad ogni risoluzione che autorizzasse l’uso della forza contro Belgrado. In quel caso se si fosse lasciata la questione nelle mani delle Nazioni Unite, con ogni probabilità queste sarebbero state impossibilitate a prendere una decisione e Milosevic avrebbe continuato a portare avanti la sua politica repressiva nei confronti della popolazione albanese. L’altro scenario invece è ipotetico, ma si riallaccia comunque al discorso che era stato prima introdotto. All’interno del Consiglio di Sicurezza è presente come membro permanente – e quindi con diritto di veto –  la Cina Popolare, che non solo è stata da più parti fortemente criticata per la violazione dei diritti umani ma che ha un contenzioso aperto con Taiwan, considerata da Pechino una sua provincia e contro la quale il governo cinese ha sempre affermato di essere pronto ad usare la forza nel caso questa dovesse proclamarsi indipendente. Cosa succederebbe allora se Pechino effettuasse un attacco contro l’isola? Se si volesse rimanere al principio che solo l’ONU ha l’autorità per decidere, in questa circostanza il Consiglio di Sicurezza non potrebbe adottare alcun provvedimento per il veto che verrebbe imposto dalla Cina Popolare, con la conseguenza che l’intervento, pur essendo contrario ai principi del diritto internazionale, non darebbe luogo a nessuna risposta dell’Organizzazione in quanto questa non sarebbe autorizzata ad intervenire data l’impossibilità di approvare una risoluzione. Ed a conferma di quanto poco siano credibili gli organi delle Nazioni Unite, basterà ricordare quanto avvenuto due anni fa, quando all’interno del “Consiglio per i Diritti Umani” non solo sono state ammesse a farne parte Bielorussia e Cuba, due Paesi i cui regimi sono considerati tra i più repressivi del pianeta, ma si è approvata una risoluzione nella quale si evidenziano le presunte violazioni avvenute in Israele arrivando invece ad affermare come a L’Avana non esistano prigionieri politici. Senza dimenticare poi come alla presidenza della precedente Commissione – in seguito sostituita proprio dal “Consiglio per i Diritti Umani” –  era stata eletta la Libia, un altro Paesi i cui standard non possono certo definirsi democratici, mentre una mozione di condanna alla Nigeria per la pratica di lapidare gli omosessuali venne lasciata cadere accettando di fatto la giustificazione avanzata dal rappresentante del governo di Lagos per cui la pratica era solo un’“usanza locale”.

La mancanza di una forza militare

Nonostante siano previste nel testo della Carta costituente dell’Organizzazione, le Nazioni Unite non dispongono di una forza militare autonoma utilizzabile in caso d’intervento. Stando a quanto stabilito da una serie di articoli, i Paesi membri avrebbero dovuto non solo stipulare con l’ONU un accordo per istituire dei reparti militari attivabili su richiesta del Consiglio di Sicurezza, ma anche costituire un “Comitato di Stato Maggiore”, composto dai Capi di Stato Maggiore dei cinque Paesi membri permanenti e posto sotto il controllo dello stesso Consiglio di Sicurezza, al quale sarebbe stato affidato il potere di deciderne l’eventuale uso. I contrasti emersi subito dopo la fine del secondo conflitto mondiale e che pochi anni dopo portarono alla “guerra fredda” tra i due blocchi, ebbe come conseguenza quella di impedire il raggiungimento di qualsiasi intesa riguardante l’ambito militare. Da allora l’ONU per formare le sue missioni ha dovuto quindi fare sempre affidamento sul contributo dei diversi Stati membri e questo ci riporta a quanto detto in precedenza riguardo agli standard democratici degli Stati che compongono le Nazioni Unite. Tra i membri dell’Organizzazione, pochi dispongono infatti di Forze Armate dall’elevato livello qualitativo e con un numero di effettivi adeguato per impegnarsi in operazioni di carattere internazionale,avendo la gran parte degli Stati appartenenti all’ONU degli Eserciti scarsamente affidabili per partecipare a questo tipo di missioni. Questi perlopiù o sono di piccole dimensioni trattandosi di “gendarmerie interne” spesso impegnate nei loro Paesi in compiti di polizia ed ordine pubblico oppure hanno una preparazione ed una professionalità discutibili essendo solo uno strumento del regime o del gruppo etnico al potere. Un’altra questione riguarda il tipo di operazioni decise dalle Nazioni Unite. E qui va fatta una distinzione tra operazioni che implicano l’uso della forza attuate in risposta ad un’aggressione subita da uno dei membri dell’Organizzazione od a gravi violazioni dei principi del diritto internazionale e missioni di “peace – keeping”.

Pur essendo entrambe previste dal capitolo VII della carta, le prime durante il periodo della “guerra fredda” erano di fatto cadute in disuso essendo il Consiglio di Sicurezza impossibilitato ad attuarle visti i veti reciproci usati da Mosca e Washington. L’unico intervento di questo tipo deciso dalle Nazioni Unite fu quello attuato nel 1950 in Corea che, ironia della sorte, venne reso possibile solo per l’assenza del delegato sovietico, il quale aveva abbandonato i lavori del Consiglio di Sicurezza per protestare contro la presenza al suo interno dei rappresentanti del governo nazionalista cinese. Quelle di “peace – keeping” sono state quindi per quasi mezzo secolo le sole azioni militari effettuate dall’ONU, trattandosi non di operazioni in cui era previsto l’uso della forza contro uno Stato ma di missioni con compiti d’interposizione dispiegate con il consenso dei Paesi coinvolti. Con l’emergere del nuovo quadro geopolitico internazionale tra il 1989 ed il 1992, le Nazioni Unite sono riuscite a varare delle operazioni militari dove era contemplato il ricorso alla forza, ma il loro comando non è stato attribuito all’ONU, dato che in occasione dell’intervento attuato contro l’Iraq nel 1991 e nella missione UNITAF del 1992 in Somalia si è deciso di assegnarlo agli Stati Uniti. Sul piano politico, questa soluzione appare oggi la sola praticabile, in quanto é del tutto irrealistico pensare che Washington accetti di porre le proprie truppe sotto il comando di un altro Paese, e questo indipendentemente dall’orientamento di qualsiasi Presidente americano. In altre occasioni, le Nazioni Unite attraverso una risoluzione hanno offerto la copertura ad operazioni che però formalmente non sono dell’ONU, come accaduto con la KFOR in Kosovo, la SFOR e l’IFOR in Bosnia – Erzegovina e l’ISAF in Afghanistan.

Riguardo invece alle missioni di interposizione va detto come la loro efficienza viene ad essere limitata dai compiti assegnatigli, visto che il mandato attribuisce alle forze dell’ONU esclusivamente funzioni di osservazione non disponendo queste né del potere di imporre alle parti l’applicazione di quanto contenuto nelle risoluzioni né di usare la forza al di fuori dei casi di autodifesa. Significative a riguardo le critiche rivolte alle due missioni dell’UNIFIL stanziate nel Libano meridionale. La prima, istituita nel 1978 dopo l’“Operazione Litani” intrapresa da Israele per porre fine agli attacchi terroristici palestinesi contro la Galilea, è stata ripetutamente accusata da Gerusalemme sia di riconsegnare all’OLP le armi in precedenza sequestrate che di aver posto sul proprio sito web i movimenti delle truppe israeliane dando così modo ad “Hezbollah” di venirne a conoscenza, mentre la seconda, dispiegata nel 2006 dopo il conflitto israelo – libanese, viene criticata per non essere riuscita ad impedire il riarmo della stessa milizia sciita. Ma oltre che nel Libano, questi limiti sono apparsi evidenti soprattutto nel caso delle missioni in Bosnia – Erzegovina e Ruanda, entrambe fallite nei loro scopi proprio per il fatto che i reparti dell’ONU si sono limitati al ruolo di osservatori non avendo l’autorità per svolgere un ruolo attivo nelle crisi. La stessa affermazione secondo cui i reparti delle Nazioni Unite sarebbero meglio accettati di altre forze militari va poi decisamente ridimensionata. Emblematico in proposito é quanto accaduto durante il conflitto bosniaco, dove l’UNPROFOR é stata spesso accusata da croati e musulmani di inefficienza e parzialità verso i serbi e per questo guardata con sfiducia dalle popolazioni locali. In questo caso si è inoltre aggiunto il vergognoso comportamento tenuto dai “caschi blu” al momento dell’eccidio di Srebrenica, dove é stata scritta una delle pagine più nere nella storia dell’Organizzazione. E non va dimenticato come la credibilità delle forze delle Nazioni Unite sia stata in questi ultimi anni ulteriormente offuscata dalle accuse di abusi sessuali e traffici illeciti rivolte ad alcuni militari della missione presente nella Repubblica Democratica del Congo.

La lentezza nei processi decisionali

Ad indebolire l’efficienza delle Nazioni Unite contribuiscono però non solo i bassi standard democratici di molti suoi membri e la mancanza di una forza militare d’intervento, ma anche ragioni esclusivamente politiche quali l’estrema lentezza che caratterizza i processi decisionali all’interno del Consiglio di Sicurezza. Come sono attualmente strutturate, le Nazioni Unite possono disporre solo di un’azione d’intervento successivo e di una funzione di assistenza civile nella ricostruzione delle istituzioni politiche di quei Paesi dove sono chiamate ad intervenire, ma non di un potere di risoluzione preventivo delle situazioni potenzialmente pericolose per la sicurezza internazionale. La procedura di voto all’interno del Consiglio di Sicurezza, che attribuisce a Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Russia e Cina Popolare il diritto di veto sulle risoluzioni presentate, costringe infatti a laboriosi negoziati e discussioni per rendere i testi accettabili ai cinque membri permanenti, cosa che non solo comporta un ritardo nei tempi d’approvazione ma anche il rischio o di ammorbidire i toni delle risoluzioni privandole di qualsiasi misura coercitiva qualora non venissero rispettate dalle parti o, peggio ancora, di non riuscire a raggiungere nessun accordo sul testo da presentare davanti al Consiglio di Sicurezza. Il caso della crisi nel Darfur, in Sudan, é in proposito altamente significativo. Pur essendo evidenti le responsabilità del governo sudanese, i testi delle risoluzioni hanno dovuto essere più volte riscritti sfumando il riferimento ad eventuali interventi internazionali proprio per evitare che la Cina Popolare, principale partner petrolifero di Khartoum, ponesse il suo veto all’interno del Consiglio di Sicurezza. Dopo tante discussioni, nel Luglio di tre anni fa il Consiglio di Sicurezza è riuscito ad approvare la missione UNAMID (United Nations African Union Mission in Darfur), un forza d’interposizione mista delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione dell’Unita Africana che avrebbe dovuto raggiungere i 26.000 effettivi e vedere la partecipazione anche di alcuni Paesi europei, del Giappone e della Cina Popolare. Ma quella che doveva essere la più importante operazione nella storia dell’ONU rischia invece di trasformarsi nell’ennesimo insuccesso dell’organizzazione. La forza agisce solo al 75% dei suoi effettivi, manca di risorse essenziali come gli elicotteri da trasporto e sul piano operativo i risultati appaiono del tutto insoddisfacenti sia per l’ostruzionismo del governo sudanese che per la sfiducia verso la missione da parte dei rifugiati per i quali questa avrebbe un atteggiamento troppo accondiscente verso Khartoum. Infine, gli scarsi risultati ottenuti dall’AIEA nel contrastare la proliferazione nucleare dimostrano come le Nazioni Unite dispongano di ben pochi strumenti per impedire che uno dei Paesi membri possa dotarsi di un programma atomico a scopo militare, come testimoniano i casi della Corea del Nord e dell’Iran.

I difetti delle Nazioni Unite sono quindi strutturali e non risolvibili attraverso una riforma del Consiglio di Sicurezza che, includendo nuovi Stati membri con diritto di veto, finirebbe solo per complicare ulteriormente il varo di ogni decisione. Terminata la “guerra fredda”, l’ONU forse non ha saputo comprendere appieno che le nuove minacce alla sicurezza internazionale come il terrorismo globale andavano affrontati con mezzi e mentalità diverse. Perché senza una forza militare di deterrenza e con processi decisionali lenti e privi di quella rapidità oggi necessaria per far fronte alle continue emergenze, le Nazioni Unite non possono avere un ruolo determinante nella gestione delle crisi internazionali.

 

Tags: , , ,

Category: Osservatorio internazionale, RdP online

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Antonio Patania scrive:

    Cosa rimane allora ai popoli se la Ius cogens i cosiddetti diritti imperativi consuetudinari fondamentali e inviolabili internazionali non possono essere sempre rispettati ?cosa rimane ai popoli se neanche i diritti e i doveri costituzionali vengono rispettati? Cosa rimane se L.unione europea ha fallito con una moneta che non permette vero progresso ma recessione insicurezza e destabilizzazione sociale?cosa rimane se le guerre economiche sono equiparate alle aggressioni belliche? Non vedo altra soluzione istituire una moneta giuridica pubblica di proprietà degli stati e dei popoli affinché veramente si rimuovono gli ostacoli economici e si riducono le guerre.

  2. […] di un ‘vuoto di efficienza’ capace di riflettersi sulla sua stessa immagine, attribuito dagli analisti a un deficit di democrazia nei processi decisionali (pensiamo al potere di veto, nel CdS, di Paesi […]

Leave a Reply