Italia

Il bisogno e l’incapacità della rivoluzione nella Russia descritta da Prilepin

|
FacebookTwitterPrintFriendlyEmailCondividi
di Renata Gravina

Zachar Prilepin personaggio complesso della generazione «Bolotnaja» ha incarnato più ruoli. Come ex membro degli Omon, corpo speciale dell’esercito russo in Cecenia, come pugile ma anche come redattore e non da ultimo come antiputiniano nella prospettiva di seguace del partito nazionalbolscevico. La sua esperienza in Cecenia è raccontata attraverso Patologie, un romanzo che mescola guerra e relazioni umane intrecciate in un’unica, confusa metafora di cruda disperazione bellica. La sfida lanciata a Putin è invece dipanata nel suo ultimo romanzo, Sank’ja (Zachar Prilepin, Voland, 2011).

«Questo paese ha bisogno di una rivoluzione» : il caos voluto dal Sank’ja di Prilepin è innanzitutto ideale. È stravolgimento e battaglia contro un sistema governativo che al contempo propone una Russia addormentata sotto una valanga di cibo, assuefatta dai fumi dell’alcol ed una patria che striscia banalmente con i suoi frutti verso la morte, senza pesare di generazione in generazione sulla storia dello Stato. É una rivoluzione a fasi alterne tra due antagonisti perdenti da subito. Da un lato i fautori della necessità della storia, i rosso-bruni che difendono la dignità dell’essenza storica russa, dall’altro lato i molli credenti nella fede divina che con essa aderiscono ad una stanca rassegnazione che è politica e sociale. Il romanzo procede tra scontri e dialoghi con una falcata sempre più cruda e sanguinolenta entro i meandri della rivolta che si dipana di capitolo in capitolo alla ricerca della distruzione dell’altro, della confusione dell’io interiore e del nemico esteriore. Come riconoscere l’altro quale nemico? Con Prilepin l’oggetto della distruzione ideale e fisica è racchiuso nella rappresentazione del governo e con esso delle sue radici. Un governo che si limita a segnare gli argini di un suolo entro il quale individui come fantasmi di una realtà sfumata nottetempo eseguano il diktat del loro essere originario. La realtà attuale della Russia è posta di fronte a se stessa e a prescindere da luogo e tempo deve riconoscere gli orrori di coloro che definisce come propri capi.

«Lasciate che la gente viva tranquilla nel proprio buco». Il senso di appartenenza nei confronti dello Stato è oggi rievocato nel manifesto della democrazia sovrana di Putin che rivela il quantum di sottomissione dei singoli all’autorità. L’appartenenza alla moglie russa è metafora di una compagna scelta e riconosciuta, inscindibile dalla vita del singolo e sufficiente a spiegare ai nemici di Sank’ja il motivo del loro «stare». Senso di giustizia e dignità sono invece i principi dei rosso-bruni ai quali Sank’ja resta fedele, danzando entro i termini di un’etica che di fatto sovrasta l’essenza. Quella stessa etica infine schiaccia i personaggi, rosso-bruni, rivoltosi, cavalieri perdenti perché privi dello sfondo culturale per muoversi entro lo Stato muniti di armatura. Sank’ja ed i suoi sono soffocati dalla generalità della loro stessa lotta per un ideale, così restano privati della loro individualità a favore della rivolta totale. La rivoluzione di San’kja rispecchia il senso erroneo della rivolta del gruppo non contro un ordine governativo ingiusto che canalizzi un’essenza banale ma entro i binari della storia che si rivelano gli stessi strumenti riconosciuti dagli antagonisti. La lotta sembra ridursi allo scontro tra l’assuefazione atarassica verso un sistema radicato e l’entropia forzata. Cosi’ la rivoluzione resta un eterno «tutto stava per concludersi… e non sarebbe finito nulla, tutto sarebbe proseguito così e solo cosi’…».

La forza della scrittura di Prilepin sta nell’utilizzo di una crudezza nelle descrizioni belliche che s’intrecciano con i sentimenti anch ‘essi «bellicizzati» senza spazio né tempo, in un delirio letterario che trascina anche nel vortice politico. Il limite di quest’ultimo è la perdita di se stesso nei ranghi della storia e nelle file di una rivolta totale, come la definisce l’autore, a perdere, poiché «nessuno in questo paese… vuole sentir parlare di rivoluzione».

Tags: , , , , , ,

Category: generico, Letture e recensioni, RdP online

Comments (0)

Trackback URL | Comments RSS Feed

There are no comments yet. Why not be the first to speak your mind.

Leave a Reply