Italia

Cina e India: una pacifica (ma non facile) coesistenza

FacebookTwitterPrintFriendlyEmailCondividi
di Emanuele Schibotto*

untitled“La Cina è un Paese molto più ricco di tutte le contrade d’Europa”, scriveva Adam Smith nel 1776. La Cina e l’India, le due voci più importanti del cosiddetto “Secolo asiatico”, fino alla prima metà del Diciannovesimo secolo totalizzavano circa la metà del Pil mondiale. Nel 1750 le regioni corrispondenti alla Cina e all’India odierne raggiungevano quasi il 60% della produzione manifatturiera globale. L’India dominava incontrastata il mercato del cotone e l’industria tessile, mentre la Cina doveva la sua importanza alla forte produttività nei settori agricolo, industriale e commerciale, senza dimenticare la posizione dominante nel mercato dell’oppio, nel quale a fine ’800 divenne “il cuore della produzione mondiale”.

Entrambe in rapida espansione, entrambe alla ricerca di maggior influenza regionale, entrambe concorrenti in ambito energetico ed alimentare, India e Cina intendono riprendere il filo dei rapporti amichevoli intrattenuti durante gli anni Cinquanta, celebrando quest’anno il sessantesimo anniversario dei Cinque Principi della Coesistenza Pacifica, elaborati da Jawaharlal Nehru e declinati in una serie di accordi firmati dai due Paesi nel 1954. I cinque principi regolano le relazioni bilaterali e comprendono il rispetto per l’integrità territoriale; la non aggressione reciproca; la non interferenza negli affari interni; uguaglianza e benefici comuni; coesistenza pacifica.

L’esigenza di rilanciare uno schema di coesistenza pacifica è avvertita da ambo le parti, ma è soprattutto l’India ad aver cambiato prospettiva. Fino a tempi recenti, al Ministero degli Esteri indiano il pensiero comune era il seguente: sia l’India che la Cina sono convinte di essere dalla parte giusta della Storia; non possono avere entrambe ragione. Ora, invece, la visione indiana sta lentamente cambiando. Sebbene i punti di contrasto siano notevoli e di carattere permanente (dalla disputa di confine alla deviazione del corso dei fiumi ad opera cinese, dalla questione tibetana alla riforma del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite), Nuova Delhi e Pechino devono necessariamente imparare a coesistere, facendo leva sugli interessi comuni: dal contrasto del terrorismo internazionale all’intensificazione del commercio e bilaterale e regionale.

Il 2014 è stato dichiarato l’”anno dell’amicizia”, con l’obiettivo di “aumentare la comprensione e la cooperazione tra questi due grandi Paesi”. Comunicati ufficiali a parte, il buon andamento dei rapporti tra India e Cina è un imperativo non solo per la prosperità asiatica, ma anche per il mantenimento della pace e sicurezza internazionale con implicazioni che vanno ben oltre il Golfo del Bengala o il Mar Cinese.

* Emanuele Schibotto è membro dell’Istituto di Politica, direttore editoriale del centro studi di relazioni internazionali Equilibri.net, dottorando di ricerca in geopolitica economica presso l’Università Marconi, Director for Development per Asian Century Institute. Il suo ultimo libro è “Italia, potenza globale? Il ruolo internazionale dell’Italia oggi” (Fuoco edizioni, 2012).

Tags: , , , , ,

Category: Osservatorio internazionale, RdP online

Comments (0)

Trackback URL | Comments RSS Feed

There are no comments yet. Why not be the first to speak your mind.

Leave a Reply