Italia
rivista IDP

● Osservatorio italiano

Di Maio e l'attacco al sindacato: anche il M5S va a caccia del voto moderato

Di Maio e l’attacco al sindacato: anche il M5S va a caccia del voto moderato

di Alessandro Campi Tutti li vogliono, tutti li cercano, tutti li blandiscono. Stiamo parlando degli elettori moderati, centristi, anti-sinistra. Insomma, di quelli che un tempo votavano convintamente Berlusconi e che poi, delusi da quest’ultimo, a partire dal 2011 progressivamente si sono rifugiati nell’astensionismo, nel non-voto di protesta o nel voto dato occasionalmente e in libertà […]

Silvio is back (e nell'era della letargocrazia forse vincerà ancora)

Silvio is back (e nell’era della letargocrazia forse vincerà ancora)

di Alessandro Campi Il ritorno prepotente sulla scena del Cavaliere in quel di Fiuggi – tonico e abbronzato recitano le cronache – è certamente la notizia che oggi merita un commento. Il copione è stato quello di sempre, battute incluse: tipo ‘ho un discorso scritto di quaranta pagine che preferisco non leggere’, sentita cento volte. […]

Quel che questa calda estate ci ha insegnato in materia d'immigrazione (e di politica)

Quel che questa calda estate ci ha insegnato in materia d’immigrazione (e di politica)

di Alessandro Campi Quella del 2017 è un’estate che ricorderemo. Certo per il caldo torrido e la siccità. Ma anche per il modo con cui, sotto la spinta di una realtà drammatica, è cambiato il nostro modo di ragionare in materia d’immigrazione. Lo conferma quel che è successo ieri a Roma: una rissa tra residenti […]

Pieni i social, deserte le urne

Pieni i social, deserte le urne

di Leonardo Raito 1. Dati preoccupanti dalle ultime elezioni Il dato sulla partecipazione all’ultima tornata di elezioni amministrative, rende più preoccupata la riflessione sullo stato di salute della democrazia italiana. Mai, nella storia repubblicana, le elezioni comunali, quelle che vanno a eleggere l’organo politico più vicino ai cittadini, avevano avuto una partecipazione complessiva appena superiore […]

La lenta metamorfosi dei grillini (ad un passo dal Palazzo)

La lenta metamorfosi dei grillini (ad un passo dal Palazzo)

di Alessandro Campi Si può ancora definire il M5S, con l’idea di liquidarlo come inaffidabile e inadatto al governo, un partito semplicemente populista, protestatario e anti-establishment? Tutti ne ricordano gli esordi in Parlamento e nella vita pubblica italiana, dopo lo straordinario exploit alle elezioni politiche del febbraio 2013. La parola d’ordine all’epoca era mantenere la […]

● Osservatorio internazionale

Trump, istruzioni per l’uso

Trump, istruzioni per l’uso

di Luca Marfè   NEW YORK – A circa un anno di distanza dalla storica notte elettorale dell’8 novembre scorso, il livello di isterismo che continua ad orbitare attorno al fenomeno Trump è a dir poco sconcertante. Ed è ancor più sconcertante che, nella media, gli italiani siano molto più nervosi degli stessi americani i […]

Ma i populisti non erano finiti? Qualche considerazione sul voto in Germania

Ma i populisti non erano finiti? Qualche considerazione sul voto in Germania

di Alessandro Campi La Merkel ha vinto, secondo le previsioni, ma il male europeo ha contagiato la Germania, secondo i timori. La sua economia resta certamente la più forte e dinamica del continente, ma da ieri il suo sistema politico-istituzionale deve fare i conti con le paure, le lacerazioni e i sommovimenti tellurici che da […]

Non possiamo non dirci groziani: l'anarchia internazionale e la lezione di Hedley Bull

Non possiamo non dirci groziani: l’anarchia internazionale e la lezione di Hedley Bull

di Davide Ragnolini Un “cronico stato di guerra, aperto o mascherato”, da imputare alla “sconfitta dell’ideale di un ordine mondiale”. Con queste parole il pacifista inglese Goldsworthy Lowes Dickinson descriveva nel 1916 la deplorevole condizione in cui versava la politica europea, raffigurando le relazioni tra Stati, proprio al modo di Hobbes. Nel suo The European […]

Kazakistan, il mezzo flop dell'Expo di Astana (e l'inconcludente bellezza del Padiglione italiano)

Kazakistan, il mezzo flop dell’Expo di Astana (e l’inconcludente bellezza del Padiglione italiano)

di Alessandro Campi ASTANA – All’epoca dell’Expo milanese quello del Kazakistan fu tra i padiglioni più visitati e ammirati. Già l’ingresso era stupefacente: con la tecnica del Sand Painting (le figure animate realizzate con la sabbia) un’artista in costume tradizionale raccontava di un popolo nomade, fiero e coraggioso divenuto una nazione prospera, indipendente e libera […]

America e razzismo: è tutta colpa di Trump?

America e razzismo: è tutta colpa di Trump?

di Luca Marfè NEW YORK – Il razzismo negli Stati Uniti è un male diffuso, radicato e antico. Più antico dell’indipendenza stessa di questo Paese. I fatti di Charlottesville sono soltanto l’ultima pagina di un libro che cittadini e politici continuano a scrivere sulla base di presupposti rabbiosi e sbagliati. Nell’occhio del ciclone, come sempre […]

● Cultura/culture

Waldemar Gurian: l’avventura di un «pubblicista cattolico»

Waldemar Gurian: l’avventura di un «pubblicista cattolico»

di Damiano Palano Nel 1933 la casa editrice Vita e Pensiero pubblicò un volume dal titolo Il Bolscevismo, firmato da Waldemar Gurian, un giovane intellettuale cattolico tedesco poco più che trentenne. Il volume proponeva una chiave di lettura originale del regime politico nato dalla rivoluzione russa, che anticipava molte delle future riflessioni sui caratteri del […]

La rinascita letteraria della Germania dopo Hitler: i settant’anni del “Gruppo 47”

La rinascita letteraria della Germania dopo Hitler: i settant’anni del “Gruppo 47”

di Marino Freschi* Tutti gli anni sono importanti, ma il 1947 fu particolarmente denso di eventi. Intanto segnò l’inizio della Guerra Fredda, della spaccatura dell’Europa in due blocchi contrapposti. Col Piano Marschall cominciò il benessere economico col successivo consumismo. In Italia Coppi vinse il Giro d’Italia. Il Nobel per la letteratura fu assegnato ad André […]

Pensare la politica: al via la terza edizione degli 'Incontri di Monteripido'

Pensare la politica: al via la terza edizione degli ‘Incontri di Monteripido’

La sede è quella del Convento francescano di Monteripido, situato sul colle di Perugia che guarda verso la piana di Assisi, appena fuori dalle mura cittadine all’altezza della storica Porta Sant’Angelo. E’ la terza edizione dell’incontro seminariale promosso dall’Istituto di Politica in collaborazione con la ‘Rivista di Politica’ e con il quadrimestrale ‘Storia del pensiero […]

La società dell'allarme e le radici profonde del populismo

La società dell’allarme e le radici profonde del populismo

di Alessandro Campi* In questi anni di dibattiti e polemiche sul populismo, se ne sono individuate le cause immediate nelle direzioni più diverse: la durezza e durata della crisi economica, la disonestà dei politici, il malfunzionamento delle istituzioni, la scomparsa dei partiti e delle ideologie tradizionali, l’eccesso di promesse elettorali che i governi non riescono […]

L’interminabile valzer morale: Walzer e la ragionevole apologia della guerra (1977-2017)

L’interminabile valzer morale: Walzer e la ragionevole apologia della guerra (1977-2017)

di Davide Ragnolini Nell’articolo segreto della famosa Zum Ewigen Frieden (1795), Kant raccomandava ai governanti di accogliere la consulenza dei filosofi affinché questi si esprimessero liberamente sulle condizioni di possibilità della pace e la conduzione della guerra. Ma chi avrebbe mai pensato che, nel nella seconda metà del XX secolo, tale consulenza sarebbe stata offerta […]

● Letture e recensioni

L'Italia del sogno e la politica dell'illusionismo: un libro di Fabio Martini

L’Italia del sogno e la politica dell’illusionismo: un libro di Fabio Martini

di Alessandro Campi Governare è un po’ narcotizzare. Nell’esperienza storica, il potere (quello assoluto ma spesso anche quello democratico) per difendersi e mantenersi stabile non è ricorso solo alla menzogna o all’occultamento della verità. Si è anche preoccupato – grazie alla propaganda e all’utilizzo dei mezzi d’informazione – di neutralizzare i conflitti sociali attraverso l’edulcorazione […]

Quel che resta di Marx. Sull'ultimo libro di Giuseppe Vacca

Quel che resta di Marx. Sull’ultimo libro di Giuseppe Vacca

di Giovanni G. Balestrieri Che cosa resta oggi di Marx? A volere essere tranchant, si potrebbe rispondere con il titolo del giustamente fortunato romanzo di Enzo Striano: Il resto di niente. Se non ci si vuole limitare ad occuparsi di Marx esclusivamente come un momento della storia del pensiero contemporaneo, ma lo si vuole considerare […]

Il gioco imperfetto della democrazia

Il gioco imperfetto della democrazia

di Antonio Campati Con l’approssimarsi degli appuntamenti elettorali, il numero di coloro che tentano di delineare gli scenari del post-voto sono ormai più numerosi di quelli che invece cercano di anticipare il risultato del voto, o per lo meno i flussi del consenso politico. Il momento elettorale diviene quasi un pretesto per allenarsi a immaginare […]

Isaiah Berlin, Leo Strauss e i problemi del nostro tempo

Isaiah Berlin, Leo Strauss e i problemi del nostro tempo

di Andrea Frangioni Il pensiero di Isaiah Berlin (1909-1997, nella foto) – del quale si veda da ultimo in italiano Un messaggio al Ventunesimo secolo (Adelphi 2015) – ha ancora molto da dire su ciò che tormenta i nostri giorni. In tal senso, lo scritto di Berlin che ci torna più utile non è tanto […]

Madame de Staël tra liberalismo e repubblicanesimo

Madame de Staël tra liberalismo e repubblicanesimo

di Danilo Breschi Con un’ottima curatela, la casa editrice Bibliosofica celebra i duecentocinquant’anni dalla nascita di Madame de Staël ripubblicandone le riflessioni su Rousseau e sul suicidio (Madame de Staël, Lettere sugli scritti e il carattere di Jean-Jacques Rousseau; Riflessioni sul suicidio, a cura e con introduzione di Livio Ghersi, trad. dal francese di Andrea […]